Sospensione attività

 
 
Cari soci,
 
il Consiglio Direttivo dell’Associazione, visto lo scenario sanitario alquanto preoccupante legato al Coronavirus (COVID-19) anche nel nostro territorio, ha deciso di sospendere le attività complementari fino al 3 aprile 2020 incluso.

 
Chiediamo a tutti di tenersi informati attraverso i canali dell’informazione pubblica sulla evoluzione.
 
In particolare, la Regione Veneto ha attivato il numero verde 800462340 per assistere e informare i cittadini sui comportamenti da tenere da parte delle persone che temono di essere entrati in contatto con il virus.
 

 
Ricordiamo, infine, il rispetto delle semplici 10 regole elencate nel vademecum messo a disposizione dal Ministero della Salute:

 

Segue la lettera del nostro Presidente Antonino Marra, indirizzata a tutti i soci:

Un rap sulla MdP: ecco il brano di Giostra

Lucio Perrone, in arte Giostra, è un rapper e showman di origine del Salento, emigrato al nord Italia per lavoro.

Tre anni fa a sua madre è stata diagnosticata la MdP. Questo brano, scritto e interpretato da Lucio, racconta, interpreta ed esterna in strofe le emozioni e le sensazioni che provano i parkinsoniani, giovani e più anziani. Giostra ci presenta il dannato James.P., James Parkinson.

Malattia di Parkinson e qualità di vita del paziente

Un’indagine di Parkinson Italia Onlusinquadra il “peso” della patologia.

Nelle pagine che seguono, Parkinson Italia presenta i principali risultati che sono emersi nell’ambito di una recentissima indagine condotta da Parkinson Italia onlus.

«Qualità della vita e rapporti clinico-terapeutici della persona con Parkinson», questo il titolo della survey, prende in esame diversi aspetti della malattia e soprattutto del malato: emergono elementi positivi, ma anche criticità soprattutto legate alla presa in carico e all’assistenza da parte del SSN.

Scarica indagine qui

Lettera di ringraziamento del Presidente Antonino Marra

Gentile amico,

consentimi questo termine poco formale ma ti considero tale proprio in virtù della generosità che hai dimostrato in occasione della nostra raccolta di fondi per il Progetto denominato “Dai voce alla tua voce”.

Chiedere soldi non è mai bello ma spiegare perché si fa rende nobile la richiesta stessa. Non siamo in grado di proseguire al meglio le nostre attività, a perseguire i nostri obiettivi con le donazioni sempre più scarse da conciliare con le necessità dai nostri Associati.

Ecco perché abbiamo chiesto anche a te di aderire con un senso di appartenenza ideale alla nostra Associazione.

Abbiamo avuto bisogno, caro amico, del tuo riconoscimento grazie al quale amplificheremo la voce dei malati di Parkinson, in particolare laddove a tutt’oggi non vi sono Associazioni di riferimento.

Dopo il tuo gesto sentiamo il bisogno di scriverti queste poche righe che non racchiudono un grazie formale ma una sincera vicinanza lungo un percorso per noi difficile e tortuoso, rappresentato dalla Malattia di Parkinson che oggi, anche con il tuo aiuto, ha trovato nuovi mezzi per essere contrastata.

Possiamo affermare quindi che la tua voce, unita alle nostre, darà vita ad un coro univoco dove la distinzione viene sconfitta da quel denominatore comune che è rappresentato da un’unica forza di volontà.

Insieme si può, caro amico e grazie al tuo gesto le parole vengono sconfitte dai fatti.

A nome di tutta l’Associazione “Parkinsoniani Associati Mestre Venezia e provincia onlus” un fraterno abbraccio.

 

Il Presidente
Antonino Marra

Attori e ballerini col Parkinson la loro giornata il 28 al Kolbe


Il prossimo 28 novembre a Mestre l’associazione dei malati del morbo di Parkinson, che in città conta oltre 200 iscritti, festeggia la giornata nazionale dedicata alla malattia. Alle 16 al teatro Kolbe un convegno con il dottor Rocco Quatrale, direttore dell’unità operativa di Neurologia all’ospedale dell’Angelo. E alle 17 uno spettacolo teatrale. “Questione di vibrazioni”, il titolo dello spettacolo diretto da Linda Bobbo che ha lavorato ad un corso di teatro con malati e parenti di parkinsoniani che hanno poi fondato una loro compagnia amatoriale, la “Grataparko”, e portano in scena un divertente racconto del loro rapporto con la malattia, armati di ombrelli coloratissimi e tante gags.

Antonino Marra è il presidente dell’associazione che ha la sede operativa in via Brenta Vecchia e due sportelli informativi e di aiuto. L’associazione in questi ultimi anni si è data molto da fare: sono tanti i servizi offerti a malati e famiglie. E alcuni sono insoliti come le danze irlandesi e il tango, oltre allo yoga e al nordic walking. Si è scoperto essere attività che attraverso il ritmo aiutano i malati a convivere con il tremore della loro malattia. È arrivata la compagnia teatrale e pure una trasmissione radiofonica sull’emittente Radio Cooperativa, oltre a corsi motori in palestra e piscina, ginnastica dolce, servizi di logopedia, supporto psicologico, trasporti con un pulmino dedicato e tanti momenti di socialità di gruppo. Perché la malattia si affronta assieme.

Fonte: La Nuova Venezialeggi qui l’articolo sul sito.

1 2 3 9